Il Cavaliere e il Professore

Autore:

Anno di pubblicazione: 
2 003
Volumi Braille: 
6
Pagine Braille: 
851

Formati disponibili:

Presentazione: 
“Prodi? Un competitor vale l'altro.” “Berlusconi? Il rapporto istituzionale è perfetto, quello privato è di “privato imbarazzo”.” Il Cavaliere e il Professore non si sono mai amati, e i veleni del processo Sme e dell'affare Telekom Serbia non hanno certo contribuito a rasserenare gli animi. I due sono i cavalli di razza designati per la corsa del 2006 e, forse, già per quella delle elezioni europee del 2004. Bruno Vespa li ha incontrati e ha parlato a lungo con loro, trovandoli divisi su tutto: sulla società italiana e sulle due coalizioni, sull'idea di sviluppo economico e sulla situazione internazionale. Questo libro rivela i retroscena della competizione annunciata, ma anche le ansie, le attese, i progetti dei due protagonisti. Berlusconi racconta la delusione per le liti nella maggioranza e illustra la sua grande scommessa: prolungare i successi in politica estera, tenere unita la coalizione, completare le ventiquattro riforme alle quali sta lavorando, abbassare le aliquote fiscali entro fine legislatura, varare una nuova legge elettorale proporzionale in tempo per il 2006. E ritorna su quelle che definisce le “grandi anomalie” del nostro paese: la magistratura politicizzata, la “disinformazione corrente”, l'opposizione “ancora non completamente democratica”. Prodi, al contrario, parla di un'Italia che perde competitività e rischia l'isolamento in Europa, e collega l'attesa crescente per la lista unica del centrosinistra ai timori per una possibile decadenza del nostro paese. Si sofferma poi sul caso Telekom Serbia e annuncia: “Si avvicina il momento in cui dovranno chiedermi scusa”. Vespa ripercorre, fornendo particolari inediti, anche gli avvenimenti chiave degli ultimi mesi: i contrasti sulla guerra contro l'Iraq, i difficili rapporti tra Ds e Margherita per la formazione della lista unica del centrosinistra, il continuo, lacerante dissenso nella Casa delle Libertà tra Fini e Follini da un lato e Bossi dall'altro, le trasformazioni di Forza Italia e di Alleanza nazionale dopo la sconfitta elettorale di primavera, i nuovi piani della Lega. Ci mostra come nacque lo scontro tra il Cavaliere e il tedesco Martin Schulz al Parlamento europeo, gli intricati sviluppi del processo Sme e dell'affare Telekom Serbia, e - nella ricostruzione esclusiva fatta da Giulio Andreotti - il tormentato decennio giudiziario del senatore, appena conclusosi con la sua assoluzione definitiva per il delitto Pecorelli. In appendice, le promesse scritte di Berlusconi a Bossi sulla devoluzione, il progetto di nuova Costituzione federale e perfino gli schemi di gioco concordati dal Cavaliere e da Ancelotti a Manchester prima della finale di Champions League fra Milan e Juventus.